Ottantaquattro giorni

Dal 3 maggio sono passati ottantaquattro giorni. Un tempo infinito, sembra. Un giorno dopo l’altro, con la lentezza che apparentemente ti fa chiedere se davvero tu abbia vissuto tutto quello che senti ancora sulla pelle (ma poi come quando vieni… Continue Reading

Settantuno

Oggi, dopo settantuno giorni, ho fatto un giro “giro” in centro. Uno di quelli non legati all’autocertificazione e ai suoi motivi di urgenza o di comprovata necessità. L’ultima volta, il 7 marzo, era per cercare un regalo di compleanno (uno… Continue Reading

a tentoni

Sembra una vita fa, eppure è solo una settimana. Una settimana di quasi liberi tutti. Di contraddizioni, di si-no-forse-mah-vediamo-faitu, di distanza, paura e soprattutto, ora, rabbia che cova piano, silente, dietro le mascherine, ma che esploderà davanti all’inconsistenza delle promesse… Continue Reading